Infouil

di Gerardo Romano

Volantino 8 novembreStiamo assistendo ad una progressiva erosione dei servizi pubblici.

La motivazione è il contenimento della spesa pubblica, dieci anni di tagli che dovevano rendere migliore il rapporto debito pubblico – pil. La verità è che questi tagli hanno contribuito a portare il nostro paese in una crisi senza precedenti.

Risulta incredibile come si continui a somministrare al paziente Italia lo stesso medicinale che non solo non lo ha guarito ma che lo sta portando ad aggravarsi ogni giorno. Il problema è che si parte da una analisi vecchia che non riesce ad interpretare la realtà né consente di individuare soluzioni.

 Abbiamo studiato come la ricchezza si producesse attraverso la combinazione dei vari fattori della produzione, due in primis, capitale e lavoro. Da lì il problema della distribuzione della ricchezza prodotto tra chi offriva il capitale e chi offriva il lavoro.

A lungo ci hanno spiegato che se non si produce ricchezza questa non può essere ridistribuita. Ma come si produce la ricchezza oggi? Meglio dove è allocata la grande ricchezza?

Il denaro, almeno fino all’inizio di questo secolo, era uno strumento per acquisire beni che a loro volta erano destinati ad essere utilizzati come mezzi di produzione ovvero destinati al consumo. La produzione industriale, la produzione dei servizi rappresentavano la fonte di reddito. Con la cd finanziarizzazione dei mercati tutto questo è meno vero.

La maggior parte della ricchezza non viene prodotta attraverso la produzione di beni e servizi ma attraverso le speculazioni finanziarie. La massa di denaro, nelle sue varie forme, circolante a cosa equivale? Una volta lo stato che emetteva moneta garantiva la convertibilità della stessa in oro. Successivamente lo garantiva con la sua economia, cioè con l’adeguatezza della quantità di denaro emesso con la ricchezza del sistema paese. Oggi è ancora così? A me pare di no. In Giappone si stampa moneta a iosa ma non c’è la svalutazione dello yen attesa, perché? Il dato è che la moneta difende il suo valore a prescindere dalla ricchezza che pure dovrebbe rappresentare.

 Qualche anno fà mi è successo di incontrare un promotore finanziario che spiegava come dovevano essere fatti gli investimenti mostrando grafici rappresentativi degli andamenti delle borse e dei titoli che presupponevano concetti tipo ciclicità. Io chiedevo se l’azienda fosse monitorata, valutata, prima di procedere ad investire sulle sue azioni. La risposta era che ciclicamente il titolo aveva andamenti prevedibili. Un investimento speculativo che tradiva il concetto stesso di azione, quello di finanziare il progetto di impresa, partecipare con il proprio capitale a produrre ricchezza attraverso la produzione.

Paul Wilmott, ricercatore in quantitative finance, con il Financial Modelers’ Manifesto, spiega come un limite che incontrano gli economisti è quello di considerare la scienza economica come una disciplina scientifica dove la replicabilità dei fenomeni sia garanzia di veridicità. Ma l’economia è determinata dal comportamento delle persone e non può per questo essere comprese in mere formule matematiche. L’autore denuncia così come l’approccio degli economisti sia incapace di rappresentare tutti i fenomeni e di questo bisogna che gli economisti stessi ne prendano consapevolezza e che quindi la prudenza dovrebbe soccorrere allorquando si elaborano ricette economiche.

Si può produrre ricchezza senza lavoro? Apparentemente si, ma è falsa ricchezza. Denaro che produce denaro non produce ricchezza.

 E allora il lavoro deve essere davvero il fondamento della società. Non a caso la Costituzione Italiana incomincia con l’affermazione che l’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro. Il lavoro è il realizzarsi della persona nel contesto sociale, quale suo contributo per soddisfare i bisogni degli altri cittadini. Il lavoro quindi deve essere messo al centro di ogni ragionamento politico. Ma non come costo, non come fattore della produzione, non come elemento necessario per garantire un adeguato livello dei consumi, ma perchè è il modo di essere cittadini, perché il rispetto del lavoro è il rispetto della persona che lo svolge.

Ecco il nostro comportamento è determinante. Oggi il denaro sembra essere sussistente ma non è così. Oggi accettiamo che una finta ricchezza sia concentrata in poche mani, possiamo mai pensare che i banchieri siano loro a dire che la moneta non ha valore? Allora i cittadini devono essere consapevoli che la società presuppone un patto, dove ognuno ha i suoi doveri e i suoi diritti.

Non può essere l’equilibrio di bilancio a determinare i miei diritti di cittadinanza.  Non lo può essere perché non condividiamo il presupposto di cosa sia ricchezza. La ricchezza non è il denaro. La ricchezza è il nostro ambiente, i nostri saperi, la nostra capacità di avere strumenti per soddisfare i nostri bisogni, la capacità di arricchirsi della libertà di ognuno che possa esprimere la sua individualità senza mortificare quella dell’altro.  Ricchezza è poter avere accesso ai diritti costituzionalmente garantiti, alla sicurezza, alla istruzione, alla salute, alla libertà di pensiero.

Io vorrei essere più ricco, io vorrei che i miei figli non siano più poveri.

Così io l’ 8 novembre sfilerò per le strade di Roma per dire che vogliamo una politica diversa, più consapevole.


Articolo inserito in Politiche Sindacali


2 Risposte a “I motivi per essere presenti”

  1. Stefano Iachetti scrive:

    “Delle migliaia di miliardi di dollari e euro, movimentati ogni giorno nel mondo, ben il 95 per cento (altro dato di fonte ONU) vengono impiegati nella speculazione e solo il 5 per cento – solo il 5 per cento! – per transazioni economiche reali, riguardanti l’energia, materie prime, macchinari ecc.” Citare Mario Capanna è forse fuori moda, ma è quel che mi è venuto subito in mente leggendo il pensiero di Gerardo Romano che condivido pienamente. Così anch’io l’8 novembre sfilerò per le strade di Roma per dire che vogliamo una politica diversa. A sabato!

  2. Nazzareno Brunozzi scrive:

    Sfilare per le vie di Roma sabato 8 novembre è un dovere morale che abbiamo nei confronti dei nostri figli!
    Di sfilate e manifestazioni ne ho fatte tante, non solo sindacali, anche politiche, questa spero sia l’ultima in cui la rabbia ed il disagio sociale rivestono un ruolo importante, la prossima volta, vorrei esprimere la gioia per i risultati ottenuti!

Lascia un commento


8 − quattro =

Templates Browser

Challenges in Social Education Today - Globalization and Changes in Education

A recent study of global humanitarian investigations currently emphasizes the most

What it means is a modern Online Teacher

University teaching is part of a well-constructed tradition that has remained unchanged

I am How Do You Appreciate the True Value of Higher Education?

I have written many articles about the best practice for educators using the time

Things to remember when getting an admission to the training school

Training schools and colleges worth a lot as they provide all the various kinds of training ns material that professional need in order to get ahead of their profession ad contribute at their best. In Australia, people can surely find lots of schools and colleges that offer high quality training options for the students as well as for the professional who looking to enhance their skill for better capabilities.

There are courses like Diploma of Community Services, Certificate III in Information Digital Media and Technology, Diploma of Work Health and Safety, Certificate II in Business and Retail Management Courses as well as the Advanced Diploma of Leadership and Management and Aged Care Training schools offering professional diplomas and courses that offer higher level training.

There are many things that you must be keeping mind in order to help yourself getting things better and get the training you need, but the most important things you should never forget are:

You should never enroll or opt to enroll in courses which are wide apart as you will be stuck nowhere and may have to manage things that you are not familiar with. In case if you are likely to get more courses you may consider to have enrolled in courses that you like the most, you should consider having the ones which are related or have similar content in them as well as same level and area of training.

As for example if you are going to attend the Business Management Courses, you should be aware that instead of aged care course you must be looking forward to get to the Diploma Of Business Management.

Further you should know that if you have to get to the top level courses you should not hesitate to enroll in the preliminary courses as they would help you learn things better.

Get in touch!

Contact Us

email us at radik.homichev@templatesbrowser.com

- or -

send us a mail at:

49 Beach Street, SUMMERHILL, Tasmania, 7250, Australia