Infouil

di Gianni Di Noia

Renzi e il futuroIn questi ultimi tempi fa caldo, molto caldo. Non solo per l’insolito clima. E’ tempo di legge di Stabilità Finanziaria. E sui mercati finanziari sembra arrivato il momento dei ribassi dopo anni di continui rialzi e guadagni.

Di argomenti di cui discutere ce ne sarebbero a volontà, ma dopo anni di perdurante crisi economica sembra esser venuta meno anche la voglia di protestare. C’è una sensazione generale verso una lamentela passiva che non distingue più la gravità e l’importanza delle cose. Per fortuna che c’è il calcio che ci regala sempre motivi per delle sane e mai troppo vecchie polemiche sulla Juventus e sul campionato.

Eppure qualcosa di rilevante sta succedendo in questi giorni. Le anticipazioni della legge di stabilità ci parlano di una manovra fatta in parte di tagli e in parte di nuove tasse.

I provvedimenti del governo dovrebbero essere improntati alla gestione delle urgenze per il presente ed alla preparazione delle condizioni per la costruzione del futuro del Paese. Presente e futuro sono elementi fondamentali specialmente in un momento di difficoltà come questo che stiamo vivendo, dove giovani e adulti vivono con difficoltà il presente e senza speranza e fiducia per il futuro. Oggi a parlare con la gente è netta la sensazione di una mancanza di fiducia e di una speranza che non sembra molto convinta. C’è una depressione non solo economica ma anche emotiva.

In questa situazione i provvedimenti del governo hanno una funzione che potremmo definire anche educativa, per riportare nel clima del paese un po’ di ottimismo. Ecco allora che per aiutare le famiglie in difficoltà il governo pare stia studiando la possibilità di anticipare il Tfr da subito in busta paga. Un provvedimento che pare piaccia a molti perché dando più soldi ai lavoratori si dovrebbe aiutare la crescita dell’economia e creare anche un clima più positivo. Ma allo stesso tempo è un provvedimento che evidenzia la gravità e l’urgenza nell’affrontare il presente rispetto al futuro, perché sappiamo bene quanto sia importante il Tfr in caso di necessità. Se funziona ok, ma se non funziona il rischio è di bruciare risorse che diventeranno un problema più grande un domani. Per valutare l’efficacia bisogna sempre attendere l’attuazione, ma già il fatto che l’opzione sia volontaria mettendo nell’imbarazzo della decisione i lavoratori, il fatto che sia gestita tramite finanziamenti dalle banche che potrebbero avere difficoltà a finanziare soggetti che sono già in uno stato di difficoltà, e l’esclusione della categoria dei dipendenti pubblici sembrano delle complicazioni che gettano una luce meno limpida sul provvedimento.

C’è un’altra parte della manovra che rende ancora più chiara l’idea del governo su presente e futuro. E’ l’aumento della tassazione delle plusvalenze degli strumenti previdenziali, fondi pensione, fondi integrativi e casse previdenziali. In questo caso non c’è per il lavoratore l’imbarazzo della decisione, ma questo provvedimento rischia di rendere ancora meno attraente la propensione già ridotta dei lavoratori al risparmio previdenziale, senza contare la percezione che il lavoratore probabilmente non vedrà come soldi sottratti oggi e che non vedrà un domani come minor integrazione pensionistica. Un fatto importante considerato che non è ancora diffusa l’importanza del problema degli importi ridotti delle future pensioni rispetto agli ultimi stipendi prima del pensionamento. Senza contare le difficoltà create ad esempio alle casse previdenziali che per mantenere la sostenibilità stanno chiedendo l’aumento delle contribuzioni agli aderenti.

Insomma la sensazione nella migliore delle ipotesi è che la situazione del presente sia molto grave, così grave da mettere in gioco anche le risorse del domani. Per uno Stato che così sembra venir meno anche alla sua funzione “educativa” verso la preparazione dei cittadini alla costruzione ed alla visione del futuro.

Un futuro che sarà sicuramente molto diverso da come possiamo immaginarlo, certamente per le innovazioni tecnologiche che cambiano alla velocità della luce il nostro presente. Un futuro che spero sia nelle menti dei nostri governanti, ma che a questo punto sarebbe bene di cominciare a prospettare, perché il timore sempre più grande è di essere governati dall’emergenza del presente bruciando le risorse del futuro. Un clima da ultima spiaggia che sta affogando anche l’ultima speranza.


Articolo inserito in Politiche Sindacali


2 Risposte a “La speranza nel futuro…”

  1. Massimiliano scrive:

    Ti è sfuggito di evidenziare che l’anticipo del TFR in busta paga è assoggettato a tassazione ordinaria e non è imponibile ai fini previdenziali!!!

  2. Gianni Di Noia scrive:

    Giusta precisazione che però non cambia più di tanto il quadro complessivo. Inoltre ho la sensazione che continui a non essere percepita la reale rilevanza della tassazione degli strumenti prevideziali. Se si valutassero gli importi, quella del Tfr potrebbe essere considerata una pagliuzza, rispetto alla trave dell’aumento della tassazione sui fondi previdenziali .

Lascia un commento


6 + quattro =

Templates Browser

Challenges in Social Education Today - Globalization and Changes in Education

A recent study of global humanitarian investigations currently emphasizes the most

What it means is a modern Online Teacher

University teaching is part of a well-constructed tradition that has remained unchanged

I am How Do You Appreciate the True Value of Higher Education?

I have written many articles about the best practice for educators using the time

Things to remember when getting an admission to the training school

Training schools and colleges worth a lot as they provide all the various kinds of training ns material that professional need in order to get ahead of their profession ad contribute at their best. In Australia, people can surely find lots of schools and colleges that offer high quality training options for the students as well as for the professional who looking to enhance their skill for better capabilities.

There are courses like Diploma of Community Services, Certificate III in Information Digital Media and Technology, Diploma of Work Health and Safety, Certificate II in Business and Retail Management Courses as well as the Advanced Diploma of Leadership and Management and Aged Care Training schools offering professional diplomas and courses that offer higher level training.

There are many things that you must be keeping mind in order to help yourself getting things better and get the training you need, but the most important things you should never forget are:

You should never enroll or opt to enroll in courses which are wide apart as you will be stuck nowhere and may have to manage things that you are not familiar with. In case if you are likely to get more courses you may consider to have enrolled in courses that you like the most, you should consider having the ones which are related or have similar content in them as well as same level and area of training.

As for example if you are going to attend the Business Management Courses, you should be aware that instead of aged care course you must be looking forward to get to the Diploma Of Business Management.

Further you should know that if you have to get to the top level courses you should not hesitate to enroll in the preliminary courses as they would help you learn things better.

Get in touch!

Contact Us

email us at radik.homichev@templatesbrowser.com

- or -

send us a mail at:

49 Beach Street, SUMMERHILL, Tasmania, 7250, Australia